Prospettive e retrospettive della tecnologia blockchain

20190126_175733_LLS

Il 2018 è stato un anno movimentato nel mondo della tecnologia blockchain. Tre cose in particolare hanno fatto notizia: Initial Coin Offerings (ICO), autorità di vigilanza e grandi gruppi industriali che hanno annunciato in una forma o nell’altra l’introduzione della tecnologia blockchain.

Nella memoria sono impresse le notizie a proposito delle somme da record riscosse dalle ICO (Tezos 232 milioni di dollari e EOS addirittura 4 miliardi di dollari), cosi come gli annunci di stampa che parlano di attacchi di hackeraggio alle borse di criptovaluta, contrasti in ambito regolatorio e truffatori spariti con i fondi raccolti nelle ICO. A cio si sono aggiunte grosse turbolenze di mercato caratterizzate sia da prezzi record che dal crollo totale di questi ultimi. Questo quadro, purtroppo fosco, riflette l’enorme velocità con la quale la tecnologia blockchain si muove attraverso tutte le fasi di innovazione. Quello che viene dimenticato sono gli eccellenti e continui sviluppi che stanno modificando in modo efficace un grande numero di industre e settori.

Al centro di questi sviluppi e dell’attenzione pubblica si sono posizionati alcuni, pochi, paesi: Gli Stati Uniti, la Cina e soprattutto la Svizzera. Il nostro paese era ed è tutt’ora sede di svariate ICO e si è reinventato come luogo attrattivo per il settore delle tecnologie. L’autorità di vigilanza svizzera è stata fortemente sollecitata e ha saputo reagire con sicurezza all’evoluzione. La Svizzera è e rimane un posto attrattivo che alle parole ha saputo far seguire anche i fatti.

Oltre a tutte le notizie negative e di sensazione, il 2018 è stato anche un anno determinante per lo sviluppo basato sulla tecnologia blockchain. Sviluppo e adeguamento sono le parole chiave delle prospettive per il 2019.

2019: Sviluppo, adeguamento, regolamentazione

A partire dalla creazione del Bitcoin nel 2009 è diventato subito evidente che la tecnologia blockchain è molto piu che unicamente la base delle criptovalute. Solamente nell’ambiente finanziario ci sono numerose aree di applicazione: registrazioni di transazioni decentralizzate e trasparenti, accelerazione delle transazioni (rispetto a SEPA/SWIFT e sistemi simili), riduzione dei costi delle transazioni, eliminazione di intermediari, nuove possibilità di raccolta di capitale e quindi accesso al mercato dei capitali per molte piccole e medie imprese e ancora molto altro.

Altre applicazioni interessanti includono la logistica, la Trade finance, le assicurazioni, il credito, il campo del diritto e determinate carte valori. Non c’è in pratica un settore che non possa potenzialmente beneficiare della tecnologia. Gli slogan attuali riferiti alla tecnologia blockchain (alcune volte in modo un po’ forzato) sono l’intelligenza artificiale, la realtà virtuale e ampliata e l’internet degli oggetti (Internet of Things). In alcuni casi cio ha perfettamente senso: Con l’internet degli oggetti si sono create per la prima volta possibiltà di trasmissione di valori oltre che di informazioni. I micropagamenti sono sempre stati una fonte di perdita con i metodi di pagamento convenzionali. Immaginiamoci un elettrodomestico che scarica automaticamente dalla rete nuovi firmware e ricette di cucina, paga l’elettricità e l’abbonamento alle ricette.

Un altro notevole interessamento per la teconologia blockchain si sta verificando presso le autorità di vigilanza: da circa 10 anni l’industria della tecnofinanza ha posto le basi per queste esigenze. L’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) ha reagito in fretta e ha emanato nuove direttive per la gestione di attività basate sulla blockchain, creando anche un nuovo quadro normativo per le startup della tecnofinanza. La cosiddetta «autorizzazione fintech» per le startup è stata lanciata nel dicembre 2018 e permette loro una procedura semplificata e requisiti di capitale inferiori a quelli richiesti per le licenze bancarie. Anche altri paesi si orienteranno a questa procedura: Negli Stati Uniti sono da prevedere risoluzioni che porteranno chiarezza nell’industria e che promuoveranno quindi la crescita.

C’è da aspettarsi che lo sviluppo tecnologico avvenga soprattutto al di sotto della soglia di percezione pubblica. Il pubblico ha infatti perso interesse per le notizie sensazionali riguardanti il prezzo del bitcoin e le ICO da record. Molti dei partecipanti opportunisti al mercato del 2017 e 2018 spariranno come se niente fosse dalla scena con i soldi dei loro sostenitori, se ancora ce ne sono. Per questo si potra osservare un solido sviluppo dell’implementazione tecnica di progetti senza un grande impatto sull’opinione pubblica, la concretizzazione nella realizzazione di strumenti digitali di investimento basati sulla blockchain, procedure di autorizzazione efficaci per i loro emittenti e l’insediamento sul mercato di partecipanti con un ruolo dominante.

Siamo rivolti ad un futuro interessante ed attrattivo. L’ottimismo per quanto riguarda la tecnologia blockchain rimane invariato nei partecipanti al mercato piu seri. Il 2019 sarà l’anno delle decisioni per quanto riguarda molti progetti nell’ambiente blockchain e DLT. Siamo lieti di potervi sostenervi in queste sfide!

La Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), di cui fa parte anche la Russia, si è fatta conoscere rapidamente nel mondo della blockchain. Vitalik Buterin, con doppia cittadinanza svizzero-canadese, è stato recentemente insignito del dottorato honoris causa presso l’università svizzera di Basilea. Buterin è co-fondatore della piattaforma blockchain Ethereum ed è un rispettato ricercatore e autore. QUORUS esplora attivamente il panorama russo riguardante le Startups per avvicinarsi in modo proattivo a società potenzialmente interessanti. Cio che apprezziamo è soprattutto la qualità dei ricercatori e i loro modelli visionari di business.

Quorus Sagl accompagna e consiglia i propri clienti riguardo a progetti tecnologici nei settori della ricerca di investitori, dell’internazionalizzazione e nella pianificazione di progetti. L’autore Yannick Zehnder è un analista per progetti di blockchain e DLT presso QUORUS e consulente indipendente di marketing e comunicazione focalizzati sulla finanza aziendale nel settore tecnologico.

Traduzione del testo tedesco: Nina Fois Quorus GmbH

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...